Ever web
   


 
Normative e Varie
Leggi il nostro archivio notizie !
Per eventuali informazioni aggiuntive puoi sempre
contattarci all'indirizzo info@ever-web.it
02-03-2009    Tapparelle e condomini
Cambiare le tapparelle e vivere in un condominio significa andare incontro a un primo dilemma: sono obbligato a scegliere il colore e lo stile proposto dal resto del caseggiato oppure, in alcune situazioni come laffaccio su cortili interni, potr scegliere in piena autonomia una tapparella che faccia al caso mio? Anche se appare di evidenza intuitiva, il decoro architettonico, in realt, presenta notevoli problemi nella sua applicazione pratica. Di fronte alle leggi insufficienti a inquadrare una soluzione, soltanto l'elaborazione giurisprudenziale ha potuto fornire le corrette indicazioni interpretative. La Corte di Cassazione tornata a esaminare questo problema con una recente sentenza che aiuta a valutare. I principi enunciati dalla Suprema Corte si ritrovano in parte anche in alcune recenti sentenze (Cass. n. 5417 del 15 aprile 2002) con cui stato inoltre affermato che per decoro architettonico dei fabbricato, ai fini della tutela prevista dall'art.1120 cod. civ., si deve intendere l'estetica data dall'insieme delle linee e delle strutture che connotano il fabbricato stesso e gli imprimono una determinata, armonica fisionomia e che l'alterazione di tale decoro pu correlarsi alla realizzazione di opere che mutino l'originario aspetto anche soltanto di singoli elementi o punti del fabbricato tutte le volte che la mutazione sia suscettibile di riflettersi sull'insieme dell'aspetto dello stabile (Cass. n. 8731 del 3 settembre 1998). In pratica l'insieme dell'edificio riguarda tutte le parti di esso, siano visibili dalla pubblica via o da cortili interni. Bisogna comunque riferirsi ad eventuali disposizioni contenute nel regolamento, se nulla citato al riguardo, l'amministratore o qualsiasi condomino potr adire al giudice, essendo il solo competente al fine di giudicare se una modifica alteri o meno il decoro dell'edificio. (fonte: Ever web)

02-03-2009    Collocazione di cancelli e inferriate.
.La collocazione delle inferriate alle finestre di ununit immobiliare compresa allinterno di un condominio, legittima se si inserisce nella facciata delledificio senza cagionare mutamento delle linee architettoniche ed estetiche che provochi un pregiudizio economicamente valutabile o se pur arrecando tale pregiudizio, si accompagni ad una utilit che compensi lalterazione architettonica. In questo caso, in pratica, allinstallazione delle inferriate fa riscontro linteresse dei condomini di tutelare la sicurezza dei propri beni e delle proprie persone. (Vedi Corte app. civ. Milano, sez. I, 14 aprile 1989, Condominio di via Tantardini 15, Milano c. Scaletti e altra). (fonte: Confedilizia.it)

02-03-2009    Apposizione di tende
.In tema di condominio di edifici, l'apposizione di targhe e tende nel prospetto dell'edificio condominiale costituisce espressione del diritto di compropriet dei condomini su detta parte comune, corrispondendo alla normale destinazione di questa; ne consegue che l'esercizio di questa facolt non pu essere assoggettato a divieto o subordinato al consenso dell'amministratore condominiale (vedi Cass., Sez. II 21/08/2003 n12298) (fonte: Condominioweb.com).

01-10-2008    Lefficienza energetica inizia in casa
Il primo anno di applicazione delle detrazioni fiscali del 55% per la riqualificazione energetica degli immobili esistenti. Una analisi del quadro Paese. Il settore dellenergia si trova in un momento cruciale, senza precedenti. Le imperfezioni esistenti che rendono inefficiente il sistema degli usi finali dellenergia, in relazione allimpatto ambientale che produce a livello globale, costituiscono temi ormai acclarati. E il preoccupante andamento dei cambiamenti climatici ne rappresentazione tangibile. La questione dellapprovvigionamento dei combustibili fossili, inoltre, in un regime di risorse scarse fortemente caratterizzato da equilibri fragilissimi che regolano le importazioni, aumenta i gradi di complessit del sistema anche da un punto vista di stabilit politica globale. Nonostante ci, in Europa si continua a sprecare almeno il 20% dellenergia negli usi finali di essa, e i costi diretti di tale inefficienza, se si mantiene lo scenario business as usual, supereranno i 100 miliardi di euro annui entro il 2020. Leggendo il dato sulla base delle tendenze attuali, secondo cui entro il 2030 lUE dipender dalle importazioni di petrolio per il 90% e da quelle di gas naturale per l80%1), agire per migliorare le prestazioni del sistema energetico sembra lunica strategia possibile. A cura di: Arch. A. Federica Stabile - Enea, Dip. Ambiente, Cambiamenti globali e Sviluppo sostenibile


2008/2010 © Ever srl
P.IVA 03608170100 - Credits

    Ever Srl - Via Borzoli 39/128p - Genova - Tel.: 010.6508585 - 010.6508791 Fax:010.6503771

Cap.Soc. euro 16065,00 i.v. - Iscritta al registro imprese della CCIAA di Genova al n.03183200108 - R.E.A. n.323539